Convitto Nazionale Umberto I

1711

Vittorio Amedeo II incarica l’Architetto RealeMichelangelo Garove di progettare il TERZO AMPLIAMENTO della città nella zona di Porta Susina, a nord della Cittadella Militare.

1713

Filippo Juvarra, abate siciliano, in seguito alla morte prematura del Garove, e' scelto dal Duca come nuovo Architetto Reale.

Egli rivede la proposta del suo predecessore e propone una nuova soluzione per l'ampliamento della città:

Il "fulcro" di questo nuovo ampliamento sarà una nuova piazza: piazza Savoia.
Un asse principale, collegherà i Quartieri Militari (un imponente complesso formato da due caserme negli isolati di San Celso e di San Daniele, simmetrico, porticato, concepito come nuovo ingresso occidentale della città, realizzato tra 1716 e il 1730) alla nuova piazza.

Nel 1729, Juvarra presenta il progetto esecutivo della sistemazione urbanistica.
(Vedi Archivio di Stato di Torino –Filippo Juvarra: “Progetto esecutivo della rettifica della contrada di Porta susina).

1718

I Frati Carmelitani hanno provveduto ad acquistare dal Demanio Regio un lotto fra le vie di Dora Grossa, del Deposito, del Carmine e delle Scuole, su quel terreno intendono costruirvi il loro nuovo convento.

Affidano la progettazione del complesso all’architetto Gian Giacomo Plantery, egli dovrà realizzare un complesso architettonico in grado di ospitare l'Economato Generale Regio e Apostolico dei Vescovati ed Abbazie vacanti e l'Azienda generale delle Corporazioni Religiose. Il conte Ignazio Agliaudi di Tavigliano, allievo dello Juvarra (Filippo Juvarra ebbe alcuni allievi tra i quali vale la pena ricordare: Giovanni Battista Sacchetti e Ignazio Agliaudi; dei quali, ovviamente, sono oggi conservati alcuni disegni, insieme a quelli del loro grande maestro) dirige per un decennio i lavori, seguendo la costruzione dello scalone d'onore disegnato forse dallo stesso Juvarra. Esso rivela infatti la grande firma nello slancio verticale dei pilastri con capitelli compositi, nella sobria efficace decorazione a strucco.

Tipica del Plantery è , invece la volta lunettata che sovrasta il vano scale, con peducci poggianti su elaborate mensole.
La nuova chiesa del Convento, la Chiesa del Carmine, sarà aperta sulla via:, la progettazione compete all’Architetto Reale Juvarra che ne inizia l’edificazione nel 1732 dedicando l’edificio di culto alla Madonna del Carmine ed anche al Beato Amedeo IX° di casa Savoia.
La prima pietra della Chiesa del Carmine è posata il 13 maggio 1732 e 3 anni dopo termina la struttura architettonica, mentre si procede alla realizzazione del Campanile.

Per maggiori informazioni: Chiesa della Madonna del Carmine

1773

Papa Clemente XIV sul quale le corti borboniche esercitarono una pressione violenta, firma il 21 luglio, il decreto di soppressione della Compagnia di Gesù.

1783

I Gesuiti che sono ospiti del convento Carmelitano, trasformano la loro scuola in Collegio, assorbendo il Collegio dei Nobili che abbandona la sede di Via Accademia delle Scienze.

1848

Carlo Alberto Re di Sardegna istituisce il Convitto Nazionale Umberto I di Torino.

1859

Nascita giuridica dei Convitti Nazionali con la legge Casati.

1923

Riordinamento dei Convitti dello Stato con la riforma Gentile.

1925

Regolamento dei Convitti Nazionali.

1943

Bombe incendiarie, colpiscono, l’otto agosto, l’edificio del Convitto di Torino.
DOPO IL TERRORISTICO BOMBARDAMENTO (Da LA STAMPA 8 ago 1943)

Incendi che si riattivano - Crolli di tetti, pavimenti, pareti - L'opera di soccorso continua - I provvedimenti del comandante della difesa per il trasporto dei mobili dei sinistrati più bisognosi commoventi scene tra macerie e rovine

Ancora ieri si riattivavano in questa o in quella località colpita dall'incursione di sabato-domenica notte, incendi che, però, venivano domati. Ancora ieri sinistri boati denunciavano il crollo di tetti, di pavimenti, di pareti, di stabili che le bombe dirompenti od incendiarie avevano profondamente lesionato. Fino a sera si è udito lo scampanellare degli automezzi dei vigili del fuoco che accorrevano appunto a prestare la loro opera nei quartieri in cui veniva segnalata una ripresa di un incendio o la minaccia di un crollo. L'opera di soccorso iniziata la stessa notte da sabato a domenica è così continuata anche ieri con rinnovata, appassionata energia. Come abbiamo già detto Chiese ed Istituti sono stati colpiti e distrutti. Fra quelli non ancora annunciati è l'Ospedale Mauriziano, che ha avuto la facciata principale profondamente sbrecciata. Alla loro volta il Convento del Monte dei Cappuccini, per lo scoppio di tre bombe, ha avuto un'ala del fabbricato semidistrutta mentre il Collegio delle Figlie dei Militari in via Villa della Regina 40, e lo stabile dell'Opera Pia Lotteri sito nella stesa via al n° 21, sono stati molto danneggiati.

C'E' POI ANCORA DA ANNOVERARE FRA GLI ISTITUTI COLPITI QUELLO UMBERTO 1° IN VIA BLIGNY.
Ma certo più di tutti appare danneggiato come abbiamo riferito ieri, il palazzo Municipale sulle cui macerie hanno lavorato ieri le squadre di pompieri e di vigili urbani per recuperare quanto più possibile. Fra gli edifici culturali sono stati nuovamente colpiti oltre all'Accademia Albertina, l'Ateneo ed il Politecnico. LE POVERE CASE Sarebbe lungo ed inutile elencare le vie ricoperte dalle loro macerie. Si può dire, senza tema d'errore, che ogni zona della città è rimasta gravemente ferita. PER ESEMPIO IN VIA PIAVE, calcinacci e detriti si riversano sul selciato e sui marciapiede, formando una mostruosa cascata di blocchi di cemento, di mattoni, di grosse travi. la facciata della casa e' scomparsa. rimane soltanto un esile muro, solcato da crepe e tempestato di squarci. come se si fosse davanti ad un gigantesco e caotico scenario di teatro, si scorgono ad una ad una, tutte le stanze; alcune completamente devastate e rese irriconoscibili dall'esplosione, altre che mostrano ancora, coperte di polvere e bucherellati dalle schegge, divani, armadi, credenze, suppellettili. Lassù all'ultimo piano si scorge una mensola che, miracolosamente, regge pentole e bottiglie. un armadio spalancato dal soffio dell'esplosione, lascia vedere parecchie file di libri; non ce n'è uno fuori posto. In altre stanze invece l'occhio non riesce a scorgere che un ammasso informe di ferro e di legno.

1993

Inaugurazione del Liceo Classico Europeo

1996

Il centro residenziale del Convitto ospita i primi studenti provenienti da diversi stati europei ed assume, anch’esso, la dimensione europea.

2001

La Scuola Secondaria di Primo Grado si trasferisce nei locali dell Scuola Sclopis di via del Carmine. I ragazzi usufruiscono del servizio mensa in Convitto in via Bligny.

Ristrutturazione del piano di sottotetto per ospitare le classi.

2002

Allestimento della nuova aula informatica per la Scuola Secondaria di Primo Grado nei locali al pianterreno della Scuola Sclopis di via del Carmine.

2003

850 studenti sono accolti nei locali del Convitto

2005

gli studenti del Convitto superano quota 1000, più di 60 sono convittori a tempo pieno

2007

viene aperto il Liceo Scientifico Internazionale ad opzione Spagnolo 

2008

la Scuola Secondaria di Primo Grado si trasferisce nei nuovi locali di via Bertola 10. Viene costruita ex novo, a tempo di record, una nuova sala mensa da 160 posti a sedere che, in due turni, riesce ad offrire pasti freschi a tutti gli alunni della Scuola Media

2010

il Convitto ospita la quarta edizione nazionale delle CONVITTIADI.

2011

il Convitto ospita la quinta edizione nazionale delle CONVITTIADI, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia

video "Verso il 2011" - Intervento del Rettore Pietro Teggi: Guarda il video

viene aperto il Liceo Scientifico Internazionale ad opzione Cinese

2012

gli studenti del Convitto raggiungono quota 1300, più di 70 sono convittori a tempo pieno.

2015

viene aperto il Liceo Scientifico Cambridge International

2016

la Scuola Secondaria di Primo Grado ritorna in sede, mentre Liceo Scientifico Internazionale e Liceo Scientifico Cambridge International si trasferiscono in via Bertola 10

2017

viene aperto il Liceo Economico Sociale, nell'ambito del progetto sperimentale di Liceo Economico Sociale Internazionale (Inter-LES) 

 

STUDENTI FAMOSI

Nicomede BIANCHI (1818-1886)

Laureato in medicina nel 1844 a Parma. Fu patriota e storico. Nel 1848 fu membro del Governo Provvisorio di Modena e Reggio durante i motti nazionali. Si trasferì a Torino dedicandosi all'insegnamento ed a studi storici, e, apprezzato dal Cavour, ricoprì la carica di direttore dell'Archivio di Stato di Torino. Nel 1881 divenne Senatore. Abile scrittore, lasciò molte opere storico-letterarie tra cui Vicende del Mazzinianismo politico e religioso dal 1832 al 1854; Storia della politica Austriaca dal 1791 al 1857; Storia della monarchia Piemontese rimasta incompiuta.

Michele LESSONA (1823-1894)

Medico, convinto sostenitore e divulgatore delle scienze naturali; famoso anche per aver tradotto in Italiano il testo base della Teoria di Darwin: “L’origine dell’Uomo”. Consigliere Comunale,Rettore magnifico e Direttore del Museo di Zoologia dell’Università di Torino; 12° presidente dell’accademia delle scienze di Torino,Senatore del Regno. Scrisse un libello intitolato “Volere è potere”, nel quale esprimeva la sua profonda convinzione che non potessero sussistere differenze di censo o di cultura che potessero impedire, a qualunque cittadino del regno, di giungere ai più alti fasti del sapere.

Luigi EINAUDI (1874-1961)

 

BREVI NOTE BIBLIOGRAFICHE

Per questo testo si è utilizzato il seguente materiale:

  • Maria Luisa Moncassoli Tibone e Dario Muzzarini "Oltre il portone", Ed. Torino Bella, 1998, pag. 101
  • Angelo Sciandra "Materiali didattici per Adotta un monumento” A.S. 1998-99
  • Francesco Chiaravalloti (a cura di): “Convito Nazionale Umberto I – materiale informativo per famiglie e studenti" A.S.1999-2000"

Materiali reperibili presso Archivio storico del Comune di Torino Collezione SIMEON in particolare alcuni testi o disegni:

  • Chiesa del Carmine (pagina 151 - vol. 2)
  • C,9036 - 9038, 347 (Benefattori)
  • 9085 - 9098, 352 (Notizie 1858)
  • 9431 (*1) - 9432 (*2) , 373
    (*1 -Discorso del Carmelitano Brignone sul proclama Massena 1800) - (*2 -M.MAROCCO 1871)
  • 11052, 447 ( Facciata - relazione - Reviglio della Veneria)
  • 11450, 460 ( Società del Sacro Cuore di Gesù)
  • 11763, 465 ( Sonetto al Curato Angelo Bornia)
  • 11766, 465 ( Iscrizione a Angelo Bornia)
  • D, 493 - 494, 555
  • 397 - 1398
  • 1771, 585
  • Convitto Nazionale Umberto I (pagina 158 Vol. 2)
  • C 1405,75 ( Festa con il Re 1879 )
  • 1406 ( Parato, Gita a Novalesa )
  • 1407,76 ( Monografia di Parato )
    5147,215
  • Carmelitani (pagina 346 Vol. 1)
  • n.inv 9028 (orazione 1783)
  • n.inv. 2029 (orazione 1786)
  • Juvarra (pagina 82/83 Vol. 2)
  • D 288, 545
  • 379, 551
  • 493, 555
  • 644, 564
  • 793, 748, 569
  • 1397 - 1398, 580
  • 2063 - 2071, 589 - 590
  • 2566, 596

Mappe (utili per il lavoro con i ragazzi):

  • 1- tipi e disegni 64/2/13
  • 2- Torino antica e moderna 1892 (vedi pagina 141 del testo "TORINO - immagini e documenti
    dall'archivio storico del Comune). 
La storia del convitto Nazionale Umberto I

 

(Immagine elaborata da mappa Torino 1719 tratta da: "Torino dall'archivio storico del Comune" - 1980)

La storia del convitto Nazionale Umberto I

 

 

Convento - Progettazione architetto Gian Giacomo Plantery

Immagine elaborata da materiale da Archivio di Stato di Torino – Michelangelo Garove: “Progetto urbanistico per l’ingrandimento occidentale della città” circa 1711

Immagine elaborata da materiale da Archivio di Stato di Torino – Michelangelo Garove: “Progetto urbanistico per l’ingrandimento occidentale della città” circa 1711.

La storia del convitto Nazionale Umberto I

Convitto Nazionale Umberto I
Scalone d'onore

Contatti

Convitto Nazionale Umberto I
Via Bligny 1 bis - Via Bertola 10
10122 Torino

Sede +39 011 4338740 / 4396735
via Bertola +39 011 5217976
convittonazionale@cnuto.it
convittonazionale@pec.cnuto.it
www.cnuto.gov.it

Le nostre sedi

Amministrazione TrasparenteAlbo Pretorio 

Questo sito utilizza i cookies per realizzare alcune funzionalità e migliorare la navigazione. Tutti i dettagli sono riportati nell'Informativa. Proseguendo con la navigazione si accetta l’utilizzo dei cookies. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Politica sulla Privacy Privacy Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookie per questo sito.